La riproduzione assistita in donne single

La riproduzione assistita in donne single

Ogni volta esistono più donne che considerano, hanno considerato o stanno considerando realizzare un progetto di famiglia da sole. Indipendentemente dei motivi che portano a una donna a realizzare un progetto così coraggioso come questo, (tra i quali si deve sottolineare l’indipendenza economica ogni volta maggiore delle donne) l’esistenza di madri single è una realtà che è totalmente accettata e normalizzata nella società spagnola ed è stato possibile grazie all’aiuto delle tecniche di riproduzione assistita e alla legge in questa materia.

Bisogna sapere che...

Secondo la nostra legge di riproduzione assistita “Tutta donna maggiore di 18 anni e con piena capacità di agire, potrà essere ricevente o utente delle tecniche regolate secondo questa legge, sempre che abbia manifestato il suo consenso in maniera scritta alla sua utilizzazione in maniera libera, cosciente ed espressa. La donna potrà essere utente o ricevente delle tecniche regolate in questa legge con indipendenza del suo stato civile e orientazione sessuale”.

A Ginefiv siamo stati testimoni e partecipi di questo fenomeno sociale nella Comunità di Madrid, trattando a donne single ed omosessuali dal 1988. Da quel momento in poi abbiamo potuto provare che il numero di donne che venivano da noi e depositavano in noi la loro fiducia per fare realtà il loro progetto di famiglia, cresceva anno dopo anno, arrivando a moltiplicarsi per 5 negli ultimi 8 anni fino a rappresentare il 10% delle donne che vengono da noi.

Le opzioni che la riproduzione assistita offre alle donne single per ottenere la gravidanza sono esattamente le stesse che per qualsiasi altra donna,con la differenza che dovremmo sempre ricorrere all’utilizzazione di campioni di seme della banca (più informazione). Inoltre, nei casi in cui esista qualche circonstanza che consigli non utilizzare i propri ovuli, esiste anche la possibilità di rivolgersi a una donazione ovociti (più informazione) o embrioni (più informazione) donati.

 
Condividi questo contenuto: