Tecniche di Riproduzione AssistitaPrincipali Tecniche e Trattamenti

Intra-Cytoplasmic Morphologically-Selected Sperm Injection (IMSI)

Che cos'è l’IMSI?

La IMSI, denominata Intra Cytoplasmatic Morphologically Selected Sperm Injection (iniezione intracitoplasmatica degli spermatozoi morfologicamente selezionati), è una tecnica con la quale i biologi valutano, sotto un microscopio con macroingrandimenti approssimativamente cinque volte più potente dei microscopi classici di un laboratorio di fecondazione in vitro, nel modo migliore possibile, la qualità degli spermatozoi. L'ingrandimento fino a 6.000 volte permette di esaminare gli spermatozoi più dettagliato rispetto alla procedura convenzionale ICSI. Quella tecnica rileva strutture intracellulari, come ad esempio vacuoli, che causano spesso destabilizzazioni della cromatina. In tal modo è possibile selezionare gli spermatozoi migliori, senza difetti o alterazioni. A questo punto si procede con le tecniche di fecondazione sinora usate, prendendo direttamente lo spermatozoo migliore scelto ed iniettandolo nell'ovocita. Di conseguenza aumentano le probabilità di una gravidanza.

IMSI

La IMSI, denominata Intra Cytoplasmatic Morphologically Selected Sperm Injection, anche denominato Super ICSI (dato che si tratta di una tecnica che migliora i risultati della microiniezione degli spermatozoi), è una tecnica molto sofisticata di selezione degli spermatozoi. È una tecnica che è stata introdotta di maniera pioniera da Ginefiv nel 2009.

L’IMSI permette ai nostri biologisti di selezionare gli spermatozoi senza difetti o con meno alterazioni per realizzare la microiniezione degli spermatozoi e, di questa maniera, incrementare i tassi di impianto e gravidanza. Per questo, i nostri biologisti utilizzano un microscopio aprossimatamente cinque volte piu potente dei microscopi abituali di un laboratorio di fecondazione in vitro, (ottenendo più di 6.000 aumenti), essendo capaci di esaminare gli spermatozoi in manera dettagliata, potendo addirittura osservare al dettaglio organuli intracellulari come le vacuole, che provocano destabilizzazione nella cromatina.

L’IMSI può complementare il MACS (più informazione sul MACS) nel caso d’infertilità maschile severa, giacchè quest’ultima seleziona gli spermatozoi senza la presenza di marcatori nella membrana che ci indichino qualche alterazione nello spermatozoo e l’IMSI fa una selezione di quelli che sono morfologicamente migliori per la fecondazione.

Quando è indicata?

Generalmente questa tecnica è adatta per tutte le coppie in un ciclo di Fecondazione assistita con microiniezione spermatica, ma particolarmente consigliata per pazienti con gravi problemi di oligo-asteno-terato-zoospermia e con fallimenti ripetuti di fecondazione in vitro.

FIV 1
FIV 2
FIV 3
FIV 4
FIV 5
FIV 6
FIV 7
FIV 8
FIV 9
FIV 10
FIV 11
FIV 12
FIV 13
FIV 14
FIV 15
Condividi questo contenuto: