Domande frequenti prima del trattamento di procreazione medicalmente assistita

In questa sezione cercheremo di rispondere alle domande più comuni che le persone di solito si pongono prima di sottoporsi a un trattamento di procreazione medicalmente assistita o quando hanno i primi dubbi sulla propria fertilità

Domande frequenti prima del trattamento di procreazione medicalmente assistita

In senso stretto, le definizioni attualmente accettate sono le seguenti:

Sterilità primaria: quando la coppia, dopo un anno di rapporti senza contraccezione, non ha ottenuto una gravidanza.
Sterilità secondaria: quando la coppia, dopo aver avuto il primo figlio, non ha ottenuto una nuova gravidanza entro 2-3 anni di rapporti sessuali non protetti.
Infertilità primaria: quando la coppia ottiene una gravidanza ma non porta a termine il parto.
Infertilità secondaria: quando la coppia, dopo una gravidanza e un parto, non porta a termine una nuova gravidanza.
Prima di iniziare un trattamento di procreazione medicalmente assistita, individueremo il suo problema di sterilità o infertilità e studieremo con Lei come affrontarlo.

Se si desidera una gravidanza e si sta provando da più di un anno (o sei mesi se si hanno più di 35 anni), è bene rivolgersi a uno specialista in medicina riproduttiva.

L’età è un fattore determinante per la fertilità. Pertanto, se si è giovani, si può ritardare più a lungo, ma se si hanno più di 35 anni, non è consigliabile aspettare troppo a lungo. Bisogna sapere che a partire da questa età la fertilità inizia a diminuire in modo evidente.

Circa il 20% delle coppie in età riproduttiva soffre di sterilità. In Spagna, circa 800.000 coppie soffrono di sterilità.

A Ginefiv crediamo che i problemi di infertilità siano un problema di coppia ed è essenziale che sia l’uomo che la donna siano coinvolti nelle stessa maniera in tutte le fasi della diagnosi e del trattamento.
In ogni caso, gli studi medici dimostrano che la causa della sterilità è attribuita alla donna nel 50% dei casi e all’uomo nel 40%, anche se in molti di questi casi le cause sono miste, cioè attribuite a entrambi. Nel restante 10% dei casi, la sterilità è considerata di origine sconosciuta, anche dopo aver effettuato tutti gli esami diagnostici.

Una clinica di procreazione medicalmente assistita è un centro medico altamente specializzato nei metodi di diagnosi e trattamento dei problemi di infertilità. È costituito da strutture moderne e personale altamente qualificato per eseguire le più avanzate tecniche di riproduzione assistita.

Quando ci si trova di fronte a un caso di sterilità, è sempre preferibile rivolgersi a ginecologi specializzati in riproduzione, perché lo studio della sterilità comprende esami che non vengono eseguiti nelle consuete visite ginecologiche.

È possibile fissare senza attesa un appuntamento presso Ginefiv per una prima visita.

Prima di iniziare un trattamento di procreazione medicalmente assistita, un medico specializzato in questo campo esaminerà il suo caso e la consiglierà di sottoporsi agli esami necessari per completare lo studio dell’infertilità.

È importante portare i risultati degli esami precedenti, se li ha, per accorciare il più possibile i tempi di inizio del trattamento.
Se la diagnosi è chiara e lo studio è completo, sarà possibile iniziare il trattamento immediatamente, a partire dal ciclo successivo.
Nel caso del trattamento di ovodonazione, presso Ginefiv non ci sono tempi di attesa per ricevere gli ovociti da una donatrice, eccetto in caso di complessità fenotipica. Ginefiv ha il vantaggio di avere un programma di donazione di gameti molto esteso, che ci permette di trovare donatori con affinità fenotipiche e gruppo sanguigno compatibili con la ricevente e il suo partner.

Prima di iniziare un trattamento di procreazione medicalmente assistita, è bene sapere che le possibilità di fecondazione e gravidanza dipendono dalle condizioni di ogni coppia e dalla tecnica utilizzata. Per conoscere le percentuali di successo di Ginefiv, può consultare i nostri risultati.

Prima di iniziare un trattamento di procreazione medicalmente assistita, è necessario conoscere alcuni dei suoi rischi. Il problema principale che può insorgere è la sindrome da iperstimolazione ovarica, dovuta al trattamento ormonale. Questa sindrome si verifica perché, a volte, l’organismo della donna reagisce ai trattamenti producendo un numero eccessivo di ovociti, il che provoca alcuni disturbi addominali per alcuni giorni. In questi casi, a volte si raccomanda di annullare l’assunzione di farmaci per evitare rischi. In ogni caso, la percentuale di casi in cui si verifica un’iperstimolazione è oggi molto bassa, grazie ai progressi dei protocolli di stimolazione e delle tecniche di laboratorio. Il ginecologo avvertirà sempre la paziente durante le visite di controllo dell’esistenza o meno di tale rischio.
Nel peggiore dei casi, la paziente dovrà essere monitorata in una clinica durante questi giorni. Per la sua tranquillità, nei nostri 35 anni di esperienza nella riproduzione assistita presso Ginefiv non abbiamo avuto nessun caso con gravi conseguenze per la paziente.
D’altra parte, avendo eliminato l’anestesia generale nella maggior parte dei casi, anche le possibili complicazioni a questo livello sono molto ridotte.
Un altro rischio da menzionare prima di iniziare un trattamento di procreazione medicalmente assistita è la possibilità di ottenere una gravidanza multipla. Sebbene per legge sia consentito trasferire fino a tre embrioni contemporaneamente nella stessa paziente, a Ginefiv trasferiamo quasi sempre solo uno o due embrioni, per ridurre al minimo questo rischio.
Nella fecondazione in vitro, se due embrioni vengono trasferiti il giorno 3 dell’evoluzione, la percentuale di gravidanze multiple è del 20%. Se lei non considera questa possibilità in nessun caso, è possibile trasferire un singolo embrione al giorno 3 dell’evoluzione o lasciarlo fino al giorno 5 per raggiungere lo stadio di blastocisti, se il numero e la qualità dei suoi embrioni lo consentono.
Grazie alla crescente efficienza dei processi di fecondazione in vitro, il numero di embrioni da trasferire per ottenere una gestazione sana a termine sta diminuendo e, di conseguenza, la frequenza delle gravidanze multiple.

Sì, dopo aver monitorato migliaia di bambini nati in tutto il mondo con queste tecniche (inseminazione artificiale, fecondazione in vitro, devitrificazione degli embrioni, microiniezione di sperma) è stato dimostrato che hanno gli stessi rischi di alterazioni genetiche, malformazioni, ecc. del resto della popolazione.
Solo in alcune forme di sterilità maschile di origine genetica esiste il rischio di trasmettere la sterilità paterna alla prole maschile, per cui il figlio dovrebbe ricorrere a questa tecnica per diventare padre.

30 anni di esperienza >
Sicurezza garantita >
Assistenza personalizzata >
Tecnologia in prima linea >
Alte percentuali di successo >
Tariffe economiche >