Spermiogramma: test e valutazione

Lo spermiogramma è l'esame diagnostico più comunemente utilizzato nei centri di procreazione medicalmente assistita per valutare la fertilità maschile.

La tecnica consiste nell'analisi di un campione di sperma a livello qualitativo e quantitativo, e anche a livello macroscopico e microscopico. Allo stesso tempo, lo spermiogramma viene utilizzato come test di screening dopo una vasectomia per garantire l'efficacia di questo trattamento.

Rectangle 84 (1)

30 anni di esperienza

Rectangle 86 (1)

Sicurezza garantita

Rectangle 82 (1)

Assistenza personalizzata

Rectangle 85 (1)

Tecnologia in prima linea

Rectangle 83 (1)

Alte percentuali di successo

Rectangle 87 (1)

Tariffe economiche

Come si ottiene il campione per questa analisi?

Laboratorio con microscopios

Per garantire la massima affidabilità dell'analisi dello sperma, il campione deve essere raccolto secondo le seguenti indicazioni:

  • Mantenere da 2 a 4 giorni di astinenza sessuale. I limiti sono non meno di 2 e non più di 4 giorni di astinenza.
  • Raccogliere il campione in una coppetta sterile: a Ginefiv Le ne forniremo una, ma tali coppette sono in vendita in qualsiasi farmacia.
  • Il campione deve essere ottenuto tramite masturbazione, non sono validi né il coito interrotto né l'uso di preservativi commerciali.
  • Nella raccolta del campione devono essere rispettate le massime condizioni igieniche (lavaggio preventivo delle mani).
  • Il campione di sperma deve essere completo, se una parte di esso è fuoriuscita, non sarà valido. Se ha dei dubbi, i nostri biologi Le diranno se è possibile eseguire il test o meno..

In caso di prelievo del campione a casa:

  • Una volta ottenuto il campione, assicurarsi che la coppetta sia ben chiusa e che il campione non perda temperatura (è necessario consegnare il campione a temperatura corporea (36º-37º), evitando sbalzi di temperatura, quindi si consiglia di portarlo in una tasca interna).
  • El tempo massimo dal prelievo alla consegna al laboratorio deve essere inferiore a un'ora e mezza. Se Lei ha la febbre nei 14 giorni precedenti la raccolta del campione di sperma o se sta assumendo antibiotici, è necessario contattare il laboratorio per rimandare l'appuntamento.

Sogni compiuti

“un'equipe perfetta....in primis la dottoressa D'aurelio che ha seguito il nostro caso con grande determinazione e professionalità . Oggi, mia moglie, è entrata nel V mese di gravidanza. Premetto che, prima di approdare in Spagna, abbiamo girato in lungo e in largo l'Italia senza risparmiarci di consultare i migliori medici del nostro territorio. Poi, quando meno te l'aspetti, una nostra concittadina, ha compiuto un vero e proprio miracolo. Per noi rimarrà per sempre un'esperienza fantastica!!!!”
SICUR MED
“Ciao a tutti La mia esperienza con Ginefiv è stata estremamente positiva in quanto ho fatto due tentativi entrambi andati bene anche se durante il primo ho avuto un aborto spontaneo ( ma il transfer era ok ) e dopo alcuni mesi sono rimasta di nuovo incinta. Dunque la mia percentuale di successo è stata il 100%. A settembre è nato un bellissimo bambino di 4240 grammi di nome Simone. Il personale ha attenzioni, competenze e ti segue in tutto il tuo percorso, passo dopo passo, parlando la tua lingua. Anche se si vive in un'altro stato è molto semplice fare il primo colloquio e tramite email o skype essere in contatto con loro. ”
Sabrina

Aspetti valutati in uno spermogramma

L'OMS stabilisce una serie di parametri essenziali per l'analisi dello sperma, tra i quali si possono distinguere parametri macroscopici e microscopici (OMS 2021).

I parametri macroscopici da studiare sono i seguenti:

  • Aspetto: L’aspetto dello sperma viene valutato in base al colore, all'opacità, alla trasparenza e alla presenza di elementi gelatinosi. Normalmente, lo sperma maschile è un liquido omogeneo, opalescente e biancastro/giallastro. Le alterazioni dell'aspetto possono determinare la presenza di componenti anomale nell'eiaculato (ematospermia: quando nel campione sono presenti globuli rossi, il colore dello sperma diventa rosato), nonché variazioni nella concentrazione di alcuni componenti dell'eiaculato.
  • Liquefazione: Si verifica quando il campione viene lasciato riposare per 20 minuti a temperatura ambiente. Lo sperma diventa meno compatto e quindi il campione può essere esaminato correttamente. Se questo tempo è superiore a 60 minuti, la liquefazione è considerata anormale e questo fatto deve essere riportato nel rapporto.
  • pH: Il valore del pH misura l'acidità o l'alcalinità di un campione di sperma, con un valore normale di 7,2 o superiore. Poiché le secrezioni delle vescicole seminale sono alcaline, una variazione del pH del campione può indicare alcune patologie.

  • Volume: Misurato in mL. Il volume normale dello sperma in un eiaculato umano è superiore a 1,4 mL e inferiore a 6 mL. Questo volume è il risultato delle secrezioni della prostata, delle vescicole seminali, dell'epididimo e del testicolo (solo il 10% della composizione totale dell'eiaculato). Il volume dell'eiaculato può variare a seconda della precedente astinenza sessuale e dell'eccitazione sessuale. In alcune patologie, il volume del campione seminale può essere alterato, sia al di sotto che al di sopra dell'intervallo considerato normale. Se il volume è inferiore a 1,4 mL, si parla di ipospermia, mentre se è superiore a 6 mL si parla di iperspermia.

  • Colore: Lo sperma deve avere un colore perlaceo. Se è leggermente trasparente, potrebbe indicare la presenza di leucociti nell'eiaculato.
test-compatibilidad-genetica

I parametri microscopici includono i seguenti:

  • Concentrazione degli spermatozoi: È il numero di spermatozoi per millilitro di sperma, generalmente misurato in milioni per millilitro. Il rapporto dello spermiogramma deve indicare la concentrazione per millilitro e la concentrazione totale nell'eiaculato. Un campione è considerato normale quando la concentrazione di spermatozoi per millilitro è superiore a 16 milioni e la concentrazione nell'intero eiaculato è superiore a 39 milioni. Valori inferiori a questi parametri determinano la cosiddetta oligozoospermia.
  • Motilità degli spermatozoi: Si analizza la capacità di movimento degli spermatozoi e si individuano diversi modelli di motilità:

PR o motilità progressiva.
NP o motilità non progressiva (movimento "in situ", senza spostamento).
IMV: Spermatozoi privi di motilità.

Si considera che un campione abbia un parametro di motilità normale quando il valore di PR è superiore al 30% e la somma di PR+NP è pari al 42% (entrambi i requisiti devono essere soddisfatti). Quando questi requisiti non sono soddisfatti, si parla di astenozoospermia.

  • Vitalità: La vitalità dello sperma riflette la percentuale di spermatozoi vivi. Questo parametro non coincide necessariamente con la percentuale di spermatozoi immobili. Quando la percentuale di spermatozoi vivi è superiore al 54%, il valore è normale. Quando è inferiore, si parla di necrozoospermia.
  • Morfologia: Questo parametro si riferisce alla forma dello spermatozoo. Lo spermatozoo è composto da tre parti: testa, collo o tratto intermedio e coda. Esistono diversi criteri per determinare la morfologia degli spermatozoi e ognuno di essi stabilisce un limite diverso per determinare la normalità. L'OMS (2010) raccomanda l'uso del criterio rigoroso di TYGERBERG, che considera che il campione è normale quando ci sono almeno il 4% o più di spermatozoi con morfologia normale secondo questo criterio. Al di sotto di questo valore si parla di teratozoospermia.
  • Agglutinazione: L'agglutinazione degli spermatozoi mobili è l'unione di diversi di essi. Queste unioni possono essere in testa, in coda o in testa-coda. La presenza di agglutinazione può suggerire un'infertilità di origine immunitaria. Se si osservano agglutinazioni in uno spermiogramma di base, è necessario eseguire altri test più specifici per escludere questo possibile disturbo immunologico.

  • Presenza di altri componenti cellulari e detriti: Nello sperma si trovano anche cellule diverse dagli spermatozoi, come le cellule epiteliali, le cellule spermatogeniche e i leucociti. La presenza di alcuni tipi di cellule in eccesso può indicare certe alterazioni o patologie. Nel caso dei leucociti, la presenza di meno di un milione per mL è considerata normale. Se si riscontra una concentrazione più elevata, si parla di leucospermia.

Quali conclusioni si possono trarre da uno spermiogramma?

Dallo studio dei parametri di base sopra menzionati, è possibile determinare in una certa misura la funzionalità delle ghiandole sessuali maschili e questo può aiutarci a individuare determinate patologie o a prevedere la fertilità dell'uomo. In alcune situazioni, sarà necessario approfondire altri parametri che non vengono considerati in un'analisi del seme di base o in uno spermiogramma.

Altre parole di interesse

Aspermia: Mancanza completa di eiaculazione. A volte ciò è dovuto all'eiaculazione retrograda (quando lo sperma, dopo un rapporto sessuale, passa nella vescica urinaria).

Azoospermia: Assenza totale di spermatozoi nell'eiaculato. La diagnosi di azoospermia nell'eiaculato non significa che non vengono prodotti spermatozoi nel testicolo, ma che non ci sono spermatozoi nell'eiaculato. Esistono diversi tipi di azoospermia e possono essere dovuti a cause diverse, per questo la diagnosi di azoospermia in uno spermiogramma richiede uno studio più approfondito del maschio.

Criptozoospermia: È la presenza di una concentrazione molto bassa di spermatozoi nell'eiaculato.

Fissa un appuntamento con uno specialista

Richieda di avere una consulenza in clinica o per videoconferenza, l'opzione che sia piú conveniente per Lei 

Contatteci

Nuove tecniche